L’evoluzione dei Poker Bot: da semplici programmi a intelligenze artificiali avanzate

Tabella dei contenuti

Il poker online ha rivoluzionato il gioco, rendendolo accessibile a milioni di nuovi giocatori che non sono mai entrati in un casinò e probabilmente non lo faranno mai. Che si tratti di Texas Hold’em, Omaha o di qualsiasi altra variante del poker, oggi tutti possono divertirsi a casa propria quando vogliono e, grazie alle app per dispositivi mobili, ovunque vogliano.

Ma la tecnologia ha fatto molta strada da quando sono stati introdotti i primi giochi di poker digitali nel 1998, e i giochi di oggi sono irriconoscibili rispetto a quelle prime offerte. Come in tutte le cose in cui c’è in gioco del denaro, i giocatori cercano di massimizzare le loro possibilità di vincita e i bot del poker sono un modo per farlo nei giochi di carte online.

Come il poker stesso, si sono evoluti rapidamente nel corso degli anni, ma come sono nati, cosa sono e come si svilupperanno ulteriormente i poker bot?

Gli albori dell’intelligenza artificiale semplice nei bot di poker

I bot per il poker sono precedenti al poker online stesso: uno dei primi bot conosciuti, creato nel 1981, è stato Orac. Dopo diversi anni di test e formazione del software, Orac utilizzò il bot per giocare con Bob Stupak, proprietario di un casinò, e filmò la partita per la televisione nazionale. Orac perse.

Per due decenni, anche prima dell’avvento del poker online, gli scienziati hanno utilizzato i giochi di carte come strumento di addestramento per l’intelligenza artificiale. L’utilizzo dei dati delle partite precedenti per determinare le probabilità nelle partite attuali e prendere decisioni in base a tale analisi rende l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale ideali per le applicazioni del poker. Con l’evoluzione della tecnologia, si sono evoluti anche i bot.

Mentre la maggior parte dei primi bot ha utilizzato il blackjack come gioco da sviluppare, in quanto è guidato dalla semplice probabilità che una certa carta appaia in un mazzo di carte noto, il poker, molto più complesso, è rimasto oggetto di frequenti ricerche. L’iniziatore dello sviluppo è stato Dars Billings, un professore statunitense, che ha scelto il poker per la ricerca perché ogni giocatore ha informazioni incomplete, non sa quali carte hanno gli altri giocatori.

I primi bot utilizzavano sistemi puramente software che analizzavano le probabilità sulla base di un ampio database di giochi e non erano “intelligenti” nel senso in cui li conosciamo oggi. In altre parole, non si adattavano o imparavano, ma si limitavano a utilizzare specifici metodi di decisione logica applicati dal bot in ogni fase del gioco.

I progressi tecnologici e il loro impatto sulla strategia del poker robotico e sulle World Series of Poker

Nel 1998, quando vennero introdotti i tavoli da poker online, il lavoro svolto da Billings fu la base per i primi bot come li conosciamo oggi – soluzioni software per il poker online. Conosciuto come Vexbot, questo primo bot per il poker online era un giocatore relativamente debole e sconfiggeva facilmente la maggior parte degli avversari umani che avevano una certa conoscenza del gioco. Altri bot emersi in quella fase avevano caratteristiche simili, ma gli scienziati, tra cui Billings, continuarono a migliorarli.

Nel 2005, a Las Vegas, si è tenuto il primo torneo di poker bot al mondo, con un numero sorprendente di partecipanti. Questi bot avevano un design simile alle offerte precedenti e non erano sistemi di autoapprendimento come intendiamo oggi l’IA. Si basavano ancora una volta su algoritmi e analisi dei dati, anche se più complessi, e i sistemi si limitavano a comprendere il gioco dal database delle partite precedenti a cui avevano accesso.

Alla fine del contenuto, il bot vincitore è stato facilmente sconfitto da un giocatore umano, il che suggerisce che, nonostante i progressi compiuti, l’idea di un bot in grado di giocare e vincere regolarmente contro gli esseri umani è ancora lontana dall’essere realizzata.

I progressi dell’intelligenza artificiale e dei poker bots: da Polaris a Libratus

La prima vera svolta è avvenuta nel 2007 con Polaris. È stato creato da un team di ricerca dell’Università di Alberta guidato da Billings. Rispetto ai moderni bot di poker, Polaris offriva ancora un gameplay relativamente semplice, ma utilizzava una nuova logica decisionale in tempo reale. Era in grado di simulare il comportamento dei singoli giocatori, un progresso significativo nella tecnologia dei bot e uno dei primi esempi di apprendimento in tempo reale con l’IA.

Sebbene ulteriori miglioramenti abbiano dato un vantaggio ai bot successivi, la vera svolta è arrivata solo nel 2015. Cepheus è stato il primo bot a “risolvere” una partita di Texas Hold’em senza limiti. Utilizzando 200 processori e una grande quantità di memoria, ha calcolato tutte le possibili varianti del gioco, tutti i 316 quadrilioni, in 2 mesi, ed è stato programmato per giocare una “strategia bilanciata”. Il risultato fu un programma impareggiabile, ma il modo in cui giocava significava che se l’obiettivo era vincere denaro, non era di grande aiuto.

Cepheus è stato seguito nel 2015 da Claudico, che è stato il primo vero bot per il poker no-limit e un’evoluzione di Cepheus, ma non è riuscito a battere nessun giocatore professionista, tuttavia il successivo vero progresso è arrivato nel 2017, con Libratus.

Liberatus è stato un’evoluzione di Libratus, che richiede ancora più risorse per funzionare e utilizza tutorial avanzati che si adattano allo scenario in evoluzione. È stato il primo bot di poker a battere regolarmente gli avversari umani giocando durante il giorno e analizzando ogni mossa durante la notte per migliorare le proprie decisioni il giorno successivo.

Libratus è la base per i moderni bot di poker, il primo dei quali è apparso nel 2019: Pluribus. Questi bot sono molto diversi tra loro e hanno capacità impressionanti che superano di gran lunga tutto ciò che è stato creato prima di loro.

I moderni bot da poker oggi: le capacità e le strategie di Pluribus e di altre IA da poker

Pluribus e altri moderni poker bot utilizzano algoritmi di intelligenza artificiale avanzati e sofisticati per apprendere e adattarsi in tempo reale, quindi non hanno più bisogno delle grandi risorse utilizzate per far funzionare i bot precedenti. Infatti, Pluribus può funzionare con soli 128 GB di RAM e due processori, quindi può essere eseguito da un host cloud, se necessario.

Inoltre, non è stato addestrato sui dati di gioco. Al contrario, al programma sono state insegnate le regole del poker e poi gli è stato permesso di giocare e imparare. Questi bot non solo capiscono il gioco, ma possono anche scegliere al volo come affrontare ogni mano per massimizzare le proprie possibilità di vittoria, analizzando gli altri giocatori.

Il risultato è un bot di poker che può tranquillamente giocare contro più avversari contemporaneamente, che è quello che ci immaginiamo quando pensiamo a un bot di poker. Pluribus è diventato il primo bot della storia a battere più giocatori di poker professionisti contemporaneamente, giocando contro cinque professionisti nel corso di diecimila mani e uscendone vittorioso.

Il futuro dei poker bot e della ricerca sull’intelligenza artificiale

Quindi, dal momento che Pluribus ha dimostrato che gli attuali sistemi avanzati di intelligenza artificiale possono apprendere le regole del poker e trasformarsi in un giocatore in grado di battere più professionisti allo stesso tempo con un dispendio minimo di risorse, dove altro possono arrivare i bot del poker?

Le persone che usano i bot per giocare ai tavoli di poker online sono da tempo un problema per diverse piattaforme di poker, ma se prima non era un problema così grave perché i bot erano poco sofisticati e relativamente facili da battere, quando i giochi sono dominati da bot che possono facilmente battere i professionisti al tavolo, è un’altra cosa. Soprattutto quando qualcosa come Pluribus può funzionare su una piattaforma basata su cloud per meno di 100 dollari al mese, e non è difficile per quasi tutti costruirne uno.

I bot del poker non si sentono mai connessi, non si sentono mai nervosi per il piatto, quindi col tempo possono sopraffare i giocatori se non vengono controllati. Quindi il futuro dei bot nell’arena commerciale consisterà sempre nel rafforzare i controlli e i sistemi di sicurezza delle piattaforme per fermarli. Ma che dire della tecnologia stessa?

L’intelligenza artificiale sta avanzando rapidamente in tutti i campi, e sarebbe sciocco pensare che il poker sarà diverso. I software di allenamento continueranno a diventare sempre più sofisticati sia nella comprensione del gioco che nelle strategie impiegate.

Tra dieci anni, invece di gare per vedere se un bot può battere un giocatore professionista, avremo gare per vedere se un professionista può battere un bot.

Conclusione

Non c’è dubbio che i bot abbiano fatto molta strada, passando da sistemi che sapevano a malapena come giocare ad algoritmi di autoapprendimento che non solo imparano, ma si adattano anche ai giocatori in tempo reale. Per il poker online, la rapida crescita dell’uso dei bot potrebbe rivelarsi disastrosa, perché se ogni tavolo è pieno di bot che battono facilmente i neofiti, perché qualcuno dovrebbe restare in gioco abbastanza a lungo per imparare?

L’aspetto tecnico dei bot è molto interessante e osservarne lo sviluppo è un buon indicatore di come l’IA si stia sviluppando anche in altri settori, ma dobbiamo essere consapevoli del loro utilizzo nel poker online e di come potrebbe influenzare il gioco a livello mondiale.

FAQ

Quali erano le capacità iniziali dei primi poker bot e come si sono evoluti?

I primi poker bot erano basati su sistemi logici e richiedevano strategie di programmazione. Pertanto, erano prevedibili e facili da battere. Nel corso del tempo, l’intelligenza artificiale è diventata più sofisticata, consentendo dapprima di analizzare i risultati e di adattare la strategia tra una partita e l’altra, e oggi di analizzare e prendere decisioni in tempo reale.

In che modo i progressi dell’IA e dell’apprendimento automatico hanno influenzato lo sviluppo di bot di poker avanzati?

I primi sistemi non solo non imparavano, cioè non potevano adattarsi oltre le strategie pre-programmate, ma richiedevano anche grandi quantità di hardware per funzionare. Con l’evoluzione delle capacità dell’intelligenza artificiale, i bot sono diventati capaci di adattarsi e di apprendere, passando a soluzioni software che richiedono molte meno risorse per funzionare.

Quali sono i bot di poker più sofisticati attualmente disponibili e cosa li rende avanzati?

Pluribus è il bot di poker più avanzato finora disponibile, in grado di giocare a No Limit Hold’em contro più giocatori professionisti contemporaneamente e di batterli. Pluribus è una soluzione di apprendimento completamente sviluppata, è stato programmato tenendo conto delle regole del poker e ha poi sviluppato le sue strategie in base alla sua esperienza nei giochi.

Cosa può riservare il futuro ai poker bot e qual è il loro ruolo nel poker online e live?

Grazie a software di intelligenza artificiale in continua evoluzione, i bot in grado di giocare nei tornei e non solo stanno diventando sempre più accessibili e poco costosi. Ovviamente, diventeranno giocatori sempre più abili, diventeranno sempre più difficili da distinguere da un normale essere umano e, alla fine, il miglior giocatore del mondo sarà probabilmente un poker bot.

Quota

L'articolo è stato utile?

Lascia la tua domanda

    Compilando questo modulo, ho letto e riconosciuto l'Informativa sulla privacy e accetto che NZTPoker possa contattarmi all'indirizzo e-mail sopra indicato.